Bordighera – Ventimiglia

L’estremo ponente. Terra di confine con la vicinissima Francia.

porto di BordigheraLa mitezza del suo clima è rinomata: ben lo sapevano gli inglesi che, dalla seconda metà dell’Ottocento in poi, cominciarono a scegliere questa zona, come luogo di villeggiatura durante il rigido inverno inglese.

Bordighera: Porto di Bordighera e Villa Garnier sullo sfondo Bordighera: The marina and Villa Garnier in the backgroundVentimiglia, con la città vecchia ricca di tesori, ha tutte le caratteristiche di una tipica città di frontiera. Il tratto di costa verso la Francia è selvaggio e ricco di vegetazione mediterranea: con i Giardini Botanici Hanbury, che ospitano migliaia di specie botaniche, di origine prevalentemente tropicale e subtropicale, organizzate a zone, e le Grotte dei Balzi Rossi, dove sono state rinvenute tracce dell’uomo preistorico di circa 20.000 anni fa.

Visitate il borgo di Vallecrosia Alta o il curioso Museo della Canzone. Da non perdere, una visita a Bordighera, una cittadina elegante, con la via Romana e i suoi alberghi immersi nel verde, i palmeti che ispirarono il pittore Monet, ed un centro storico tra i più curati della costa.

Ciò che rende particolarmente attraente questa parte di Liguria è anche il suo magico entroterra, con gli storici borghi medievali arroccati sulle montagne, che scendono ripide verso il mare. È bello camminare nei tipici vicoli, i carruggi, che si intrecciano rincorrendosi l’un l’altro.La loggia

A Ventimiglia comincia la Val Roja, superata la galleria nei pressi di Airole, bel borgo di origine medievale con una chiesa barocca, tutt’a un tratto ci si trova immersi in un paesaggio tra i più belli della Liguria.
La strada porta a Tenda, in Francia, e poi a Limone Piemonte, una delle località sciistiche preferite dai liguri. Le acque del Roja sono limpide e, in certi tratti, di un verde intenso, con i ponti della strada ferrata che lo attraversano in più punti.

La Val Nervia, invece, inizia a Camporosso, già abitata nell’età del bronzo e difesa dagli impenetrabili castellari, nel Medioevo fu un’importante via di comunicazione. La foce del fiume, proprio in prossimità del mare, è un’oasi tutelata dal WWF, dove si può passeggiare e fare birdwatching.

DolceacquaAddentrandosi nella valle si possono incontrare paesaggi incontaminati e borghi storici di notevole interesse come Dolceacqua, dominata dal castello dei Doria; Pigna con le sue terme, Isolabona o Apricale.

L’alta Val Nervia è situata all’interno del Parco Naturale Regionale Alpi Liguri, insieme alle valli Argentina e Arroscia. Nonostante sia così vicina al mare, offre un paesaggio tra i più belli di tutte le Alpi. Nella parte più vicina al mare, si trova la vegetazione mediterranea, con gli olivi, le vigne e le coltivazioni di fiori, poi, improvvisamente, si entra nella zona alpina, con boschi di pini, querce, abeti, faggi. È un ambiente tra i più vari al mondo. I monti Toraggio (m.1973) e Pietravecchia (m. 2038), dove vivono le marmotte e crescono i rododendri, sono stati soprannominati “le piccole dolomiti”.

Sono ancora tanti i borghi di notevole interesse alle spalle di Bordighera e Ventimiglia, segnaliamo ancora Vallebona, Seborga e il suo principato, Perinaldo, Soldano e Olivetta San Michele.